Cantina%2006_edited.jpg

LA TENUTA

Un’antica fattoria votata al futuro Marchesi Ginori Lisci

La proprietà dell’azienda agricola Marchesi Ginori Lisci si estende in un’area incontaminata di 2000 ettari nella Val di Cecina, fra Volterra e il mare.  Cuore pulsante della tenuta, arroccato su una collina, si trova il Castello Ginori di Querceto, magico borgo di origine medievale, la cui lunga storia si intreccia da oltre due secoli con l’intensa storia della famiglia Ginori Lisci, fatta di commercianti, navigatori ed imprenditori sempre rivolti all'innovazione. Ancora oggi è attiva la Manifattura di porcellane fondata da Carlo Ginori nel 1735.

La maggior parte della tenuta è caratterizzata da colline ricoperte da una intatta e magnifica distesa di bosco ceduo e macchia mediterranea. La parte agricola è costituita da 700 ettari di dolci colline e pianure irrigue; 20 ettari sono gli oliveti che circondano il Castello e infine 17 ettari sono dedicati ai vigneti, tutti biologici, di Merlot, Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Syrah, Viognier e Vermentino.  I vigneti, iscritti alla DOC Montescudaio, si trovano nella zona di prima collina, su tre appezzamenti con caratteristiche pedo-climatiche omogenee. La produzione è volta a dare spazio a tutte quelle azioni attente e naturali che portano alla produzione di vini biologici e di alta qualità.

359387.jpg

CANTINA

Il cuore dell’azienda vinicola

Nel 2003 è stata realizzata una nuova cantina restaurando edifici già esistenti e ubicati nell’antico borgo di Querceto come il granaio, la falegnameria, e locali per il ricovero delle mietitrebbie. Particolare è la barriccaia che è stata ricavata nel vecchio granaio poi trasformato in teatro del paese; l’antico palcoscenico è stato restaurato e adesso viene usato per degustazioni ed eventi legati al vino

 

La cantina è costituita da:

Sala di ricezione delle uve: Le cassette, da 20 kg l’una, vengono scaricate su di un nastro trasportatore collegato con un tavolo di cernita dove l’uva viene selezionata manualmente. L’uva selezionata viene convogliata nella pigia-diraspatrice. Il “pigiato”, per caduta, va nella sottostante tinaia.

Tinaia: Il mosto viene raccolto sia in piccoli tini d’acciaio che di cemento, tutti dotati di termoregolazione; la termoregolazione è fondamentale per un equilibrato svolgimento della fermentazione alcolica. Le temperature eccessive potrebbero causare un arresto della fermentazione, infatti ad inizio vendemmia, che avviene i primi giorni di settembre, la temperatura esterna può raggiungere i 30°.

Barriccaia: L’affinamento del vino avviene in barriques da 225 litri di rovere a grana fine e media tostatura. La durata delle barriques è di tre anni.

 

VISITA IN CANTINA E DEGUSTAZIONI

Imperdibile per chi arriva a Querceto è la visita in cantina con degustazione finale dei vini biologici Marchesi Ginori Lisci, Montescudaio DOC e dell’olio extravergine d’oliva. I visitatori saranno condotti in una breve e piacevole passeggiata per le strade del borgo scoprendo la storia del Castello fino ad arrivare ai luoghi della produzione vinicola.

La famiglia Ginori Lisci ha ristrutturato antichi locali destinati all’attività agricola e il vecchio teatro ricavandone spazi dove si realizza una produzione vinicola di alta qualità e il Castello Ginori di Querceto è il luogo ideale per fare enoturismo in Toscana.

La visita si conclude con la degustazione nella nostra enoteca “la Dispensa del Castello”, ricavata nell’antico e suggestivo frantoio del borgo con i macchinari originali come la bellissima macina in pietra.

Le visite guidate sono disponibili solo su prenotazione per un minimo di 4 persone. 

Per informazionishop@marchesiginorilisci.it oppure telefonare allo +39 0588 37472 o +39 345 3234042.

Apertura dell’enoteca: tutti i giorni dalle 11.00 alle13.00 e dalle 16.00 alle 20.00.

Apertura dell’enoteca nei mesi invernali: venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19

359414.jpg
 
354224.jpg